Strascinati e cime di rapa ( orecchiette Baresi )

Quando si va fuori in vacanza, la prima cosa che  chiedono è  ” da dove venite ?”.   Spessissimo, rispondono, ” ah che bella la Puglia, e poi si mangia cosi bene, buoni gli strascinati e il riso patate e cozze “.

In effetti questi piatti sono i piu conosciuti e i piu apprezzati anche se la cucina Pugliese è molto varia, perchè è una regione, bagnata dal mare, quindi si trovano piatti di tradizione marinaresca, poi c’è il  Tavoliere, con la sua grossa produzìone di grano e cereali, e la Murgia, dalla quale provengono i funghi, le erbe selvatiche e i legumi.

Ma in effetti il piatto delle cime di rape con gli strascinati è probabilmente l’emblema della cucina Pugliese, gli strascinati che nei vicoli di Bari vecchia vengono venduti ed esposti sulle madie di legno, sono una pasta fresca a base di semola di grano duro rimacinata, impastata solo con acqua, qualcuno ci mette anche della farina, ma io ricordo che mia nonna quando sentiva che qualcuno li faceva cosi,  inorridiva quasi schifata, dicendo ” da che mondo e mondo si è sempre fatta come la faccio io “.  Sono d’accordo con lei, perchè la farina a parer mio li rende piu pesanti.

In tutte le famiglie le donne venivano istruite a fare  gli strascinati e i cavatelli, perchè oltre ad accompagnare egregiamente i legumi e le verdure, erano e sono ancora il piatto della domenica, anzi in alcune famiglie tradizionaliste, la domenica non è tale senza questa pasta condita con il ragù misto di carne di cavallo , maiale e bovino.

Naturalmente ho imparato anche io a farli fin da piccola, e anche se da noi si trovano ottime  qualita di questa pasta confezionata,  la differenza ovviamente di quelle fatte a mano si sente, la pasta è piu ruvida e piu corposa e quindi piu buona.  La ricetta con le cime di rapa, è molto semplice, l’importante è trovare della buona verdura tenera, cuocerla insieme alla pasta, cosi i sapori si legano fin dall’inizio e saltare il tutto in padella, semplicissima come tutte le ricette tradizionali, ma non povera nel gusto…

strascinati cime rapa log-fin-2
Ingredienti per 4 persone :

  • 1 kg di cime di rapa al netto ( calcolare almeno 1,5 kg lordi )
  • 300 gr di strascinati
  • olio
  • peperoncino
  • alici sott’olio
  • sale

 

 

 

Pulire le cime di rapa, eliminando le foglie piu dure, e tagliando ogni stelo in tre pezzi circa, tenere anche da parte le cimette o i fiori delle cime di rape, e lavare tutto in abbondante acqua fredda. Mettere sul fuoco una pentola abbastanza grande con acqua abbondante e quando bolle versare la verdura e la pasta, aggiungere il sale e dopo 5 minuti assaggiare per controllare la cottura, le cime di rapa devono essere tenere , scolare. In una padella mettere olio extra vergine di oliva, un peperoncino e dell’aglio a fettine, appena diventa dorato , mettere 2 filetti di acciuga, far sciogliere e unire la pasta con le cime, spadellare velocemente e servire ancora con un giro di olio crudo buono Pugliese…
strascinati cime rapa-1-1287
strascinati cime rapa-2-1288
strascinati cime rapa-finita-1294

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *