Sponsali con pomodorini e peperoncino piccante ( sfricone Biscegliese )

Ricordo mio nonno, seduto su una panchetta di legno, con accanto a se una cassetta di pomodorini arancio e rossi,  ancora attaccati al loro peduncolo profumato piu del pomodoro stesso, con uno spago lunghissimo in mano ad appendere pomodori, creando lunghe collane, serte o ‘nzerte, che poi avrebbe appeso a dei grandi ganci al muro, nel locale dove era solito preparare anche  il vino…

Questa antica procedura, rendeva i pomodori particolarmente buoni, perchè seccando leggermente disidratano un pochino concentrando tutto il loro sapore. Prima quell’operazione che faceva mio nonno veniva fatta in ogni famiglia ma purtroppo oggi questi vengono preparati sempre meno  ( sigh! ) da quando si trovano pomodori in tutte le stagioni.

Cosi si acquistano freschi ma coltivati nelle serre o importati da chissa dove,  pagandoli il triplo, ma che non hanno nemmeno un terzo del sapore di quelli venduti nella stagione estiva. Poi la verità è che nessuno ha piu la pazienza di appendere pomodori, nessuno ha piu il tempo di fare niente. Cosi quando l’altro giorno mio marito è tornato con una serta di pomodori, regalo di un cliente soddisfatto e riconoscente, ho provveduto immediatamente a immortalare con la mia Reflex, e a preparare questa ricetta, cosi come l’originale richiedeva con pomodorini appesi. 

Gli sponsali, altri protagonisti indiscussi della mia cucina Pugliese, invece, l’aspetto non inganni non sono porri, sono cipolle verdi tagliate ancor prima che diventino il bulbo che tutti conosciamo. Adesso dovrei spiegare il perchè di questo nome “sfricone”,  ecco io non lo so, ma mi piace pensare che sia onomatopeico, per via di quel sfrrr, sfrrrrr che fa la cipolla, mentre sfrigge ( soffrigge ) nell’olio…

Questo prodotto, gli sponsali ,  tipico della mia regione, si trova da qualsiasi fruttivendolo, nei mesi invernali. Il loro sapore è piu dolce della cipolla e piu delicato, vengono utilizzate, come ripieno del nostro famoso calzone, tipica focaccia farcita con tonno, ricotta forte e olive, e a volte anche uvetta., Oppure come farcitura dei panzerotti gia pubblicati dove però al posto della mozzarella si puo utilizzare questo ripieno, la ricetta dei panzerotti la trovate qui http://www.swing-cooking.it/panzerotti-fritti-3/ 

Ma a me andava di riproporle cosi come le mangiavo nei miei ricordi di bambina, lo sfricone si faceva  nelle fredde sere d’inverno e si serviva con delle fette di buon pane, quando una cena era semplicemente costituita da alimenti poveri,  ma non meno gustosi, come  pane, cipolle, caciocavallo e olive.

 

Ingredienti:

  • 1 kg di sponsali
  • 10 pomodorini appesi o ciliegini
  • sale
  • peperoncino
  • olio
  • fette di pane di Altamura o altro pane Pugliese

 

Pulire gli sponsali, si taglia la parte della testa e poi si sfogliano,partendo dal basso,  basta togliere 2 o 3 foglie che li avvolgono, poi si lavano e si tagliano a rondelle fermandosi, quando la parte dello sponsale diventa troppo verde. Si tuffano in acqua bollente salata per 5 minuti, serve a eliminare l’acqua di vegetazione e renderli piu digeribili, si scolano e si mettono in padella con i pomodorini spremuti, olio e peperoncino, quantità di quest’ultimi regolato a seconda dei gusti e al livello di sopportazione. Si cuociono per 20 min circa o fino a quando non sono teneri, salare e servire con fette di pane buono Pugliese.

 

2 Commenti

  1. 1-marzo-2017

    Grazie per questa ricetta e altre simili che il vostro amore della memoria non farà morire

  2. 1-marzo-2017

    Grazie a lei 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *