Panini al pomodoro morbidissimi

Una canzone cantava un bicchiere di vino con un panino la felicità… Ricordo che  i miei nonni dicevano, quando c’è il pane in tavola c’è tutto,  e forse era cosi, pane e olive con pomodoro e la cena era risolta, oggi probabilmente non è piu cosi, però però, dipende da quanto riusciamo a stuzzicare l’appetito. Avevo questa ricetta, ricopiata di fretta chissa da dove, in cui sopra c’era scritto panini al pomodoro, cosi  ho fatto dalla mattina l’impasto per questi panini, ho messo a lievitare. Alle 13 in attesa che i figli tornassero da scuola, ho diviso l’impasto in tante palline e messo su una teglia con carta forno, la sera sono tornata a casa alle 19,30, ho acceso il forno, infornato, poi ho tagliato i panini e farcito con tonno, con robiola e melanzane arrostite, con robiola , salame e  insalata, con mortadella, intanto la casa profumava piacevolmente, quando sono tornati a casa hanno divorato i  miei bellissimi e profumati panini.

Per 15 panini circa:

  • 500 gr di farina manitoba
  • 250/300 di acqua
  • 1/2 lievito di birra
  • 50 gr di concentrato di pomodoro
  • 1 patata media bollita e schiacciata
  • 1 cucch.no di zucchero
  • 2 cucch.ni di sale
  • 25  gr di burro

 

 

 Per farcire:

  • robiola
  • melanzana arrostita
  • salame milano
  • mortadella
  • insalata
  • tonno sott’olio
  • oppure tutto cio che preferite
In un robot o a mano, sciogliete il lievito con zucchero e acqua, poi pian piano aggiungete farina, il concentrato di pomodoro, il sale, il burro e per ultima la patata; dovrete avere un impasto morbido.

Lasciate riposare in una ciotola precedentemente unta di olio e coperta per un’ora o comunque fino a quando l’impasto non sia diventato il doppio.

Dopo questo tempo prendere dei pezzi di impasto, pesarli e fare delle palline di 50/60 gr al massimo, e metterle su una teglia rivestita di carta forno. Far rilievitare da 30 min a un’ora.

Accendere il forno statico a 180/190 gradi e cuocere mettendo sulla base del forno una tazza piena di acqua, durante la cottura del pane l’acqua rilascerà del vapore, serve a dare all’impasto la giusta umidità; per la cottura serviranno  20 minuti circa; appena saranno tiepidi farcirli e portarli a tavola.

Se pesate palline invece che da 50 gr da 40 o 35 meglio otterrete dei panini adatti per un finger food, ma attenti alla cottura, non superate i tempi rischierete di indurirli.

6 Commenti

  1. 20-maggio-2012

    Bellissima ricetta! Grazie per le bontà che ci suggerisci! Volevo chiederti un’informazione: quando parli di tazza di acqua da mettere sulla base del forno, di che materiale dev’essere? POggiata sulla base senza protezioni? che so, gratella, carta alluminio, leccarda? questo è un dilemma che mi perseguita da anni e spero di risolverlo grazie ai tuoi consigli! Grazie, Betta

  2. 20-maggio-2012

    Carissima Giulia, grazie per i complimenti, la tazza puoi poggiarla direttamente sulla base del forno, presupponendo che cio che devi cuocere sia poggiato in una teglia piu o meno nel mezzo del forno. La tazza che io utilizzo è una normalissima in ceramica, o puoi anche utilizzare un piccolo pentolino in acciaio.

  3. 6-novembre-2012

    Ricetta veramente buona. Il pane viene morbido e pieno di mollica. Per la cottura direi anche meno di 20 minuti.
    Grazie
    Sara

  4. 7-novembre-2012

    Grazie Sara per aver provato la ricetta e anche per aver notato che la cottura probabilmente è meno lunga…:)

  5. 4-febbraio-2015

    Dei panini deliziosi e anche molto morbidi. In un mese gli ho fatti 4 volte e gli ho portati a scuola per i miei compagni (ho 15 anni) e hanno
    detto che sono buonissimi.

  6. 4-febbraio-2015

    Che dire Bianca, sei fantastica! Una cuoca provetta, non sai quanto mi fa piacere sentire che ci sono ragazze così giovani che si dilettano in cucina…bravissima <3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *