Melanzane al profumo di rosmarino

Aspettavo che arrivassero gli amici il Primo Maggio, avevo già preparato tutto, la pasta era già pronta da cuocere in forno, la griglia con i carboni per cuocervi la carne, perchè la giornata era fantastica, la confettura di pomodori da servire con i formaggi insieme all’aperitivo, pronta dalla mattina. Ma volevo qualcos’altro da spiluccare insieme al prosecco , vabbè in realtà avevamo dello champagne lasciato qualche giorno prima da Piero nostro amico. Avevo ancora una grossa melanzana, cosi ho pensato di affettarla, di friggerla e di offrirla come stuzzichino. Mentre mi accingevo a tuffare nell’olio le melanzane, avevo messo la padella sul fornello elettrico, fuori vicino al barbecue,  l’occhio mi è caduto sulla grande pianta di rosmarino. Di lì il colpo di genio, ho spezzato dei rametti, li ho messi nell’olio, e ci ho fritto le melanzane, poi ho servito le stesse con dei rametti, al posto dello squallido e poco educato da portare a  tavola, stuzzicadenti. Cosi il rosmarino è diventato protagonista, defraudando la signora melanzana del ruolo di primadonna.

melanzane rosma finita-1130
Ingredienti:

  • una melanzana
  • due uova
  • farina
  • pangrattato ( grattugiato usando la mollica di panini o pane di qualche giorno )
  • sale , pepe
  • rosmarino 
Grattugiare in un mixer la mollica di pane ragffermo di 2 giorni, non tritare troppo, deve essere abbastanza grossolana, sbattere le due uova con sale e pepe, passare le melanzane prima nella farina, poi  nell’uovo e poi nel pane. Mettere in padella abbondante olio, quando sarà caldo aggiungere il rosmarino e friggere le melanzane.  Far assorbire su carta assorbente, spolverare con poco sale e servire infilzando le melanzane con rametti di rosmarino. 
melanzane al profumo di rosmarino 1-1
melanzane al profumo di rosmarino 2-1122
 melanzane al profumo di rosmarino 3-1255
 Le melanzane non le ho messe sotto sale, trovo che ormai sia una procedura inutile, io non ho mai trovato melanzane amare, forse un po di tempo fa, ma ormai…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *