Crostata alle ciliegie con cardamomo

I miei prima di partire per l’Egitto mi hanno chiesto cosa volessi da lì. Non c’erano dubbi, la risposta è stata : spezie e quindi su un biglietto ho segnato: cardamomo, cumino, curcuma e karcadè. Poi ho chiesto quei bei bicchieri per il te alla menta, tutti colorati. Sono stata soddisfatta in pieno; al ritorno le spezie erano tutte nelle loro bustine e i bicchierini in una scatola, peccato non siano quelli come mi aspettavo, con i  decori filigranati color oro, ma sono comunque belli e fanno bella mostra sul tavolo poggiati su un vassoio marocchino… Bisognava solo trovare una ricetta per usare il cardamomo, ma l’intuizione di mettere pochi semini tritati in questa crostata è stata vincente; che profumo! Difficile cercare una somiglianza del cardamomo con altre spezie, posso solo dire che da un tocco di fresco al dolce.

Per una crostata da 14 cm di diametro

  • 150 gr di burro
  • 100 gr di zucchero
  • 50 gr tuorli
  • la buccia di un limone
  • 250  gr di farina Chiavazza 00 per dolci
  • la punta di un cucchiaino di ammoniaca o se volete di lievito per dolci
Per il ripieno:

  • 215 gr di ciliegie snocciolate
  • 3 cucchiai di zucchero di canna
  • 3 bacche di cardamomo pestate
  • 20 gr di mandorle a lamelle
  • Per servire
  • gelato fiordilatte (facoltativo )
Lavorare tutti gli ingredienti insieme, formare una palla e avvolgere in una pellicola e mettere in frigo per mezz’ora.Mettere le ciliegie denocciolate in un pentolino con 3 cucchiai di zucchero di canna, accendere il fuoco e mettere a minimo la fiamma, coprire il tegamino. Fare attenzione perchè appena sta per bollire si sarà formata una gran quantità di liquido che potrebbe debordare, togliere il coperchio e far cuocere fino a quando le ciliegie non sembrano piu sode ma cominciano a corrugarsi; spegnere e far raffreddare.Riprendere la frolla dal frigo, infarinare un piano e stendere con il matterello a 4 cm di spessore; tagliare due cerchi della grandezza della teglia. Io ho usato una di alluminio da 14 cm di diametro sotto e 15 sopra; mettere senza infarinare perchè la pasta contiene burro e non si attaccherà, parola mia, il cerchio piu grande, di modo che i bordi saliranno verso l’alto.Versare con un cucchiaio le ciliegie, poi spolverare con il cardamomo e adagiare le mandorle a lamelle non tostate, poi versare con il cucchiaio del succo formatosi nel tegame delle ciliegie. Ricoprire con l’altro disco, sigillare schiacciando con le dita lungo i bordi e poi al centro ritagliare un piccolo buco, un cratere della torta.Infornare a 180° per 20 minuti circa, fino a che la crostata non sembra piu dorata. Sfornare e far raffreddare; spolverare con zucchero a velo e volendo servire con della palline di gelato fiordilatte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *